Elogio della semplicità di un’aia

Elogio della semplicità di un’aia

Ho cenato in un’aia, una sera di inizio estate, a Castellinaldo d’Alba, un piccolo centro della provincia di Cuneo, che non arriva a mille abitanti. Fa parte di quella zona chiamata Roero, che con le Langhe ha reso famoso il Piemonte in tutto il mondo per i suoi vini e le sue colline dolci. Conosco piuttosto bene il mio Paese, ma quel pezzettino, non troppo lontano da casa, è rimasto un desiderio a lungo, perché rimandiamo sempre ciò che possiamo avere facilmente.

“Less is more” ho pensato al primo colpo d’occhio: c’è davvero un’aia, ed effettivamente la cosa è auspicabile, dato che il nome del ristorante è Osteria delle Aie, ma per esperienza so che spesso questa logica viene a mancare, ed è proprio nell’aia che i tavoli sono alloggiati nella loro semplice eleganza senza inutili orpelli. Niente sopra le teste dei commensali, solo il cielo e delle piccolissime lampadine con luce calda, ordinate lungo un filo che passa romanticamente da un tavolo all’altro, che si stagliano, al primo buio, sullo sfondo bianco di una tipica casa di campagna. Potrebbe essere un’ambientazione alla Ozpetek, un luogo accogliente e senza fretta in cui radunare gli amici. La luce perfetta, naturale, come il modo di fare dei giovani camerieri dai sorrisi generosi, lontanissimi dall’essere ingessati ma assolutamente inappuntabili.

All’Osteria delle Aie la cucina e i vini del territorio sono una cosa seria ma proposta con leggerezza, come in un gioco: il commensale sceglie se cambiare vino ad ogni cambio di portata oppure mantenere quello che magari lo ha colpito particolarmente ancora per un po’, e qualora si senta in vena di follie, ha a disposizione un calice gigante, veramente enorme, nel quale versare l’eccellenza dei vini piemontesi. I piatti non sono banali, la tradizione delle rane o delle quaglie si mescola all’estrema delicatezza degli accostamenti.

Più vedo scatole senza contenuto, locali e ristoranti dalla vuota superbia, e più mi convinco del fatto che il lusso stia nella semplicità delle esperienze di qualità e che, come diceva Coco Chanel, l’eleganza consista nel togliere, non nell’aggiungere.

Per chi volesse immergersi nell’eleganza della semplicità, l’Osteria Caffetteria Delle Aie si trova a Castellinaldo d’Alba, in via Roma, 29.

I had dinner in a farmyard, one evening in early summer, in Castellinaldo d’Alba, a small town in the province of Cuneo, which does not reach a thousand inhabitants. It is part of that area called Roero, which has made Piedmont famous throughout the world for its wines and its gentle hills with the Langhe. I know my country quite well, but that little piece, not too far from home, has remained a long-standing desire, because we always postpone what we can easily have.

“Less is more” I thought at first glance: there really is a threshing floor, and indeed it is desirable, given that the restaurant’s name is Osteria delle Aie, but from experience I know that often this logic comes to miss, and it is in the yard that the tables are housed in their simple elegance without unnecessary frills. Nothing above the heads of the diners, only the sky and tiny light bulbs with warm light, arranged along a thread that passes romantically from one table to another, which stand out, in the first darkness, against the white background of a typical country house. It could be a setting at Ozpetek, a welcoming and unhurried place to gather friends. The perfect, natural light, like the way of making young waiters with generous smiles, far from being in plaster but absolutely impeccable.

At the Osteria delle Aie the local cuisine and wines are a serious thing but lightly proposed, as in a game: the diner chooses whether to change wine with each change of course or to keep the one that may have struck him particularly for a while , and if you feel in the mood for follies, you have at your disposal a giant cup, really huge, in which to pour the excellence of Piedmontese wines. The dishes are not trivial, the tradition of frogs or quails mixes with the extreme delicacy of combinations.

The more I see boxes without content, clubs and restaurants with empty pride, the more I am convinced of the fact that luxury lies in the simplicity of quality experiences and that, as Coco Chanel said, elegance consists in removing, not adding.

For those wishing to immerse themselves in the elegance of simplicity, the Osteria Caffetteria Delle Aie is located in Castellinaldo d’Alba, Via Roma, 29.

Leave a Reply

Su di me

Sono una cacciatrice di emozioni e cieli stellati, buongustaia, con una personalità complessa e gusti semplici.

Logo del blog La Cacciatrice di Emozioni di Jessica Citterio
La Cacciatrice di Emozioni | Blog personale di Jessica Citterio | Copyright © 2019 | Powered by [ calligaro design ]